Progetti

Qui trovi una lista di progetti in cui il Parco ha collaborato attivamente.

Seeds&Bees

   

“Seed&Bees: Incrementare e migliorare gli habitat per gli impollinatori e la biodiversità attraverso la selezione di semi di piante autoctone”

Il progetto è realizzato dall’Ente Parco del Conero in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche, l’Istituto di Istruzione Superiore Vanvitelli Stracca Angelini, l’Associazione Arci ProPolis Aps. Riguarda la protezione di un genere di insetto fondamentale come le api per la tutela della biodiversità ma anche la qualità ambientale perché il progetto si occupa della riqualificazione dell’habitat di questi impollinatori ma coinvolge anche la filiera di agricoltori, apicoltori, operatori del parco, comunità locale e studenti. “L’intervento sostenuto dalla Fondazione Cariverona riguarda il contrasto alla progressiva perdita di biodiversità e il mantenimento di ecosistemi ad elevato grado di naturalità”. Il settore apistico in Italia denuncia una perdita di ricavi quantificabile in oltre 70 milioni di euro per il calo produttivo imputabile alla perdita di biodiversità degli habitat negli agrosistemi e per questo la parte formativa nei confronti degli agricoltori per preferire negli inerbimenti specie autoctone di piante che consentano miscugli di semi di specie non aliene è fondamentale per il presente e soprattutto per il futuro”. Il progetto è coerente sia con gli obiettivi strategici dell’Agenda 2030 dell’Onu Life on Land che a livello nazionale e regionale per quanto concerne il PSR. In sintesi i risultati del progetto riguarderanno il miglioramento dei prati che determineranno un incremento delle popolazioni di impollinatori selvatici con benefici che si ripercuoteranno sull’ambiente naturale ma anche negli agroecosistemi stessi.  

Il Parco del Conero sostiene il progetto Adotta un ulivo Tuteliamo il territorio della Selva di Castelfidardo

 

A Castelfidardo esiste un bosco residuo tra i più importanti delle Marche, la Selva di
Castelfidardo.
Questo luogo speciale confina con ambienti urbanizzati che ne minacciano la sopravvivenza.
Da qui nasce il progetto “Adotta un ulivo” che ha l’obiettivo di dare la possibilità a tutta
la comunità di contribuire alla protezione ambientale della Selva di Castelfidardo. Come?
Attraverso l’adozione degli ulivi che necessitano di cure e attenzioni per poter crescere e
contribuire a creare corridoi ecologici che ampliano l’habitat naturale della fauna selvatica,
tra il bosco della Selva e l’uliveto.
Gli enti promotori del progetto, Fondazione Ferretti e Selva cooperativa sociale, hanno
deciso di investire molto in questa iniziativa poiché credono profondamente nella necessità
di costruire un percorso comunitario che possa portare alla creazione di una coscienza
ecologica condivisa e consapevole.
Molti volontari e partner pubblici e privati del territorio si sono adoperati per la
realizzazione di questo progetto, che ha ottenuto il patrocinio di Comune di Castelfidardo,
Provincia di Ancona, Consiglio Regionale–Assemblea Legislativa delle Marche, Fondazione CARILO,
Ente Parco Regionale del Conero, Agenzia Regionale Marche Agricoltura Pesca, Università Politecnica
delle Marche, Università di Camerino, Italia Nostra Marche, Confagricoltura Marche, Aprol Marche,
AIAB Marche, Slow Food Marche, Confcooperative Marche.

In che cosa consiste il progetto?
L’adozione è un sostegno liberale, annuale e rinnovabile, all’attività di cura condotta dalla
Fondazione Ferretti e dalla Selva Cooperativa. Possono aderire singole persone o famiglie,
scuole e associazioni, aziende e chiunque voglia dare il proprio contributo.
Basta accedere al portale www.adottaunulivo.org, scegliere un ulivo tra le varietà disponibili
e, in base a tre differenti livelli di adozione, versare la propria quota di adesione.

Il donatore riceverà:
-              il certificato di adozione;
-              la targhetta con il suo nome che verrà posizionato sull’alberello;
-              l’aggiornamento periodico sulle fasi dell’oliveto;
-              un omaggio in base al livello di adozione
-              la possibilità di partecipare alla giornata di raccolta collettiva
               delle olive e ad altri eventi dedicati ai sostenitori del progetto
I piccoli ulivi che saranno adottati cresceranno grazie al supporto di tutti coloro che vorranno
aderire. Chi adotta un ulivo permette la salvaguardia della biodiversità, il mantenimento del
paesaggio rurale marchigiano, lo sviluppo sostenibile e inclusivo e supporta la lotta ai
cambiamenti climatici.

L’uliveto della Selva Cooperativa sociale
Nel 2021, con la consulenza dell’Agenzia regionale Marche Agricoltura Pesca, è stata
effettuata una nuova piantumazione selezionando esclusivamente varietà autoctone di 
ulivo che sono a rischio di erosione, come la Mignola,la Raggia e il Piantone di Mogliano.
L’uliveto, a conduzione biologica certificata, è gestito dalla Selva cooperativa sociale,
la quale svolge attività che prevedono l’inclusione nel mondo del lavoro di persone in
condizione di svantaggio. La cooperativa mette al centro della sua missione il lavoro,
inteso come Valore Sociale e rivolto alla creazione di progetti sostenibili e nel rispetto
del territorio, proprio come quello di “Adotta un ulivo”.

Impatto ambientale e agricoltura paesaggistica
Piantare un uliveto durante una crisi climatica, significa fare la differenza. Si stima
che un ettaro di uliveto a conduzione biologica riesca ad assorbire 15,5 tonnellate di CO2
in un anno, a differenza di un sistema colturale tradizionale che ne stocca solamente 10 tonnellate.
L’ulivo, coltivato secondo i principi dell’agricoltura biologica, è inoltre una pianta a
bassa impronta idrica, che tollera gli stress idrici e che riesce a gestire efficacemente
le proprie risorse. Inoltre, il suolo viene lasciato inerbito per un duplice motivo: proteggere
il suolo dall’erosione e favorire la crescita di erbe e fiori che attirano micro e macrofauna.

Un breve focus sulla Selva di Castelfidardo
La Selva di Castelfidardo si trova nel cuore delle Marche vicino al Parco del Conero, sulla
storica collina di Monte Oro Selva che si affaccia sul mare Adriatico. È considerata un bosco
relitto di quelli che nel Quaternario ricoprivano molti territori del centro Italia e della
pianura Padana, caratterizzata da un elevatissimo livello di biodiversità floristica e faunistica
ed è oggetto di studio a livello nazionale ed internazionale da moltissime università.
La Fondazione Ferretti e la Selva Cooperativa si occupano di tutelare la Selva nei confronti
degli ambienti urbani con i quali confina e che potrebbero minacciare la sua sopravvivenza.

Tuteliamo il territorio della Selva di Castelfidardo
Per tutelare la biodiversità e la naturalità del territorio, nel versante Sud della Selva,
dove il Duca Roberto Ferretti iniziò la coltivazione dell’olivo negli anni ‘50 del secolo
scorso, la Fondazione Ferretti nel 2008 ha ideato un’agricoltura paesaggistica ed ecosostenibile,
attraverso il mantenimento di siepi e di vegetazione autoctona spontanea. Questo progetto si 
inserisce nella R.E.M. (Rete Ecologica Marchigiana) e contribuisce a creare corridoi ecologici
favorendo ed ampliando l’habitat naturale per la fauna selvatica tra il bosco della
Selva e l’uliveto a conduzione biologica certificata.

Contatti:
Fondazione Duca Roberto Ferretti di Castelferretto
Selva Società Cooperativa Sociale
Via della Battaglia, 52
60022 Castelfidardo (AN)
Tel./whatsapp 071780156
info@adottaunulivo.org
   

Archeopaesaggio al Conero: nuovi spazi e nuove pratiche per scoprire, conservare e vivere il territorio del Parco

**********************************

Il progetto, Archeopaesaggio al Conero: nuovi spazi e nuove pratiche per scoprire, conservare e vivere il territorio del Parco, mira a realizzare un prodotto turistico/culturale innovativo e attrattivo, capace di narrare il territorio del Conero e le sue straordinarie e poco note risorse archeologiche con modalità suggestive e coinvolgenti, quali l'applicazione di pratiche di archeologia sperimentale e la realizzazione di soluzioni multimediali immersive e di realtà aumentata. L'obiettivo è quello di avviare una forma integrata e sostenibile di fruizione dei beni culturali e ambientali, anche attraverso pratiche partecipate, creando al contempo reti collaborative tra pubblico e privato. La realizzazione di un Archeodromo a tema piceno, ovvero la ricostruzione di una casa picena a scala reale attraverso pratiche di archeologia sperimentale, attività ludico-didattiche di archeo-agricoltura e archeo-artigianato e lo sviluppo di applicazioni di realtà virtuale e 3D con tour virtuali ed immersivi, daranno vita ad un percorso tematico ampio che comprenderà l’Antiquarium Statale di Numana, l’Area Archeologica “I Pini” di Sirolo ed il Centro Visite del Parco. In questi siti saranno realizzati interventi e nuovi allestimenti che prevedono l’uso di tecnologie innovative. Il progetto, promosso dall’Ente Parco Regionale del Conero e sostenuto dalla Fondazione Cariverona grazie al Bando Valore Territori 2018 per un totale di € 440.000,00, vede coinvolti oltre al capofila l'Ente Parco Regionale del Conero, la Soc. Coop. Sociale Onlus Opera che gestisce la struttura del Centro Visite del Parco ed il connesso Centro di Educazione Ambientale Cea, i Comuni di Sirolo, Numana e Camerano, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche AN-PU, l'Antiquarium Statale di Numana, il Museo Tattile Statale Omero, l'Associazione Riviera del Conero e Colli dell'Infinito e il DICEA - Department of Construction, Civil Engineering and Architecture dell’Università Politecnica delle Marche.

**********************************

#IOSONOILPARCO

Campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale e tutela della fauna selvatica nel Parco del Conero

“Ogni area naturale protetta è una grande casa, e tutti noi siamo gli abitanti. E' la Natura ad averci dato un regolamento. Ora dobbiamo solo applicarlo”.
Vivere, o semplicemente transitare in un Parco naturale, offre la possibilità di poter ammirare scorci e panorami suggestivi.
Non è insolito incontrare le tante specie di animali selvatici che nel Parco hanno la loro casa.
Ma non sono gli unici!
Ci siamo anche noi, donne e uomini, che ne viviamo la bellezza e abbiamo il dovere di tutelarla e preservarla.
Convivere con gli animali selvatici è possibile e ogni convivenza inizia con la conoscenza e il rispetto.
Per questo l'Ente Parco del Conero ha realizzato la campagna di comunicazione #IOSONOILPARCO con il fine di porre l'accento sul tema della co-abitazione UOMO/FAUNA in un'area naturale.
Per aiutarci a comprendere le abitudini della fauna e il miglior comportamento da tenere in un’area protetta è stato predisposto un decalogo sulle abitudini della fauna e sulle buone pratiche da osservare quando si è alla guida lungo le arterie stradali che attraversano l'area protetta.
 
     
 

Attività di sperimentazione dei substrati artificiali temporanei per la tutela della Sepia officinalis

Accordo agroambientale d'area per la tutela delle acque - Progetto "Coltiviamo la qualità delle acque del Conero"

Nel Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 - M22.1.A Accordi agroambientali d'area per la tutela delle acque
BANDO: ACCORDI AGROAMBIENTALI D'AREA PER LA TUTELA DELLE ACQUE - Anno 2017

Volontariato, "Amici del Parco"

Si chiama “Amici del Parco” ed è la nuova iniziativa, che si aggiunge a quelli dedicati al volontariato “Adotta un sentiero” ed è stato ideata per chi vuole dedicare in modo strutturato parte del proprio tempo libero alla conoscenza, conservazione e valorizzazione del patrimonio naturale dell’area protetta, partecipando in prima persona alle iniziative dell’Ente Parco. L’obiettivo è di creare un gruppo di amici – una vera e propria rete di volontari di fiducia – interessati a collaborare con l’Ente Parco e a capire meglio, toccando con mano, il lavoro svolto dall’Ente, i valori e gli obiettivi verso i quali si orienta la sua azione: l’intento del progetto è quello di offrire ai partecipanti un’esperienza unica, attraverso la quale ogni partecipante possa arricchirsi a livello personale.

Scarica l’AVVISO e il modulo di richiesta di iscrizione all’elenco degli “Amici del Parco”

Volontariato, Associazionismo e Cooperazione Sociale

CETS Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette

regione marche logo Logo cets Federparchi

La Carta Europeaper il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette (CETS) è uno strumento metodologico ed una certificazione che permette una migliore gestione delle aree protette per lo sviluppo del turismo sostenibile.

L'elemento centrale della Carta è la collaborazione tra tutte le parti interessate a sviluppare una strategia comune ed un piano d'azione per lo sviluppo turistico, sulla base di un'analisi approfondita della situazione locale. L'obiettivo è la tutela del patrimonio naturale e culturale e il continuo miglioramento della gestione del turismo nell'area protetta a favore dell'ambiente, della popolazione locale, delle imprese e dei visitatori.

La CETS prende spunto dalle raccomandazioni stilate nello studio di EUROPARC del 1993 dal titolo "Loving Them to Death? Sustainable Tourism in Europe's Nature and National Parks", e rispecchia le priorità mondiali ed europee espresse dalle raccomandazioni dell'Agenda 21, adottate durante il Summit della Terra a Rio nel 1992 e dal 6° programma comunitario di azioni per lo sviluppo sostenibile. La Carta è una delle priorità per i parchi europei definite nel programma d'azione dell'UICN Parks for Life (1994).

Inoltre, l'importanza crescente di uno sviluppo turistico sostenibile, come tema d'interesse internazionale, è stata sottolineata dalle "Linee guida per il Turismo Sostenibile Internazionale" della Convenzione sulla Diversità Biologica. La Carta affronta direttamente i principi di queste linee guida e fornisce uno strumento pratico per la loro implementazione nelle aree protette a livello locale.

La CETS è coordinata da EUROPARC Federation, che, col supporto delle sezioni nazionali della federazione (come Federparchi-Europarc Italia), gestisce la procedura di conferimento della Carta alle aree protette e coordina la rete delle aree certificate.

 

Obiettivi fondanti della Carta

Migliorare la conoscenza ed il sostegno alle Aree Protette d'Europa, soggetti fondamentali del nostro patrimonio, che devono poter essere preservati e tutelati per le presenti e future generazioni.

Migliorare lo sviluppo sostenibile e la gestione di un turismo nelle aree protette che tenga conto delle necessità dell’ambiente, delle comunità locali, delle attività imprenditoriali locali e dei visitatori.

 

I Principi della Carta

Lavorare in partnership

Per coinvolgere tutti coloro che sono implicati nel settore turistico dell'area protetta, per il suo sviluppo e la sua gestione.

Elaborare e realizzare una strategia

Per predisporre e rendere effettiva una strategia per il turismo sostenibile ed un piano d'azione per l'area protetta.

 Per tutelare e migliorare il retaggio naturale e culturale dell'area, ma al contempo per proteggere l'area da uno sviluppo turistico sconsiderato.

Per garantire ai visitatori un elevato livello di qualità in tutte le fasi della loro visita, per comunicare efficacemente ai visitatori le caratteristiche proprie ed uniche dell'area e incoraggiare un turismo legato a specifici prodotti che aiutino a conoscere e scoprire il territorio locale.

 

La procedura per l'ottenimento della Carta

La CETS è suddivisa in tre fasi: I. Turismo sostenibile per l'area protetta; II. Turismo sostenibile per imprese turistiche locali; III. Turismo sostenibile per i tour operator.

Per ottenere la Carta (FASE I), l'area protetta, deve:

  • Presentare la candidatura ad Europarc Federation
  • Intraprendere un processo di formazione sulla CETS al personale dell'area protetta coinvolto, creare e gestire dei Forum e dei Tavoli di lavoro con i diversi attori dell'area coinvolti a vario titolo nel settore turistico (dalle imprese agli amministratori locali alle associazioni di categoria), e realizzare un'analisi partecipativa e una diagnosi del mercato turistico dell'area protetta, delle strategie già in atto, delle opportunità e dell'impatto dal punto di vista ambientale, economico e sociale.
  • Elaborare un documento finale di Strategia e del Piano d'Azione
  • Ottenere la valutazione positiva da Europarc Federation sul Piano d'Azione e quindi il Diploma della Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree      Protette.

Una volta ottenuto il riconoscimento, l'area protetta deve mettere in pratica il Piano d'Azione.

La Carta ha validità cinque anni, rinnovabile.

Le aree protette che hanno ottenuto la Carta possono, a loro volta, decidere di implementare la FASE IIe III della Carta, andando al di là del semplice coinvolgimento delle imprese turistiche, ma permettendo loro di ricevere riconoscimenti individuali come firmatari della Carta.

 

Il ruolo di Federparchi

Federparchi-Europarc Italia, in qualità di sezione nazionale di Europarc Federation e in considerazione dell'alta valenza turistica dei parchi italiani, è significativamente impegnata nella diffusione della CETS ed ha avviato la costruzione di una rete tra tutti i soggetti che la applicano o intendono applicarla, stipulando anche a questo fine vari accordi tesi a promuovere occasioni di approfondimento e confronto tecnico scientifico sui temi dello sviluppo economico e della sostenibilità turistica. Accordi specifici sono stati realizzati o sono in corso di definizione con alcune Regioni italiane per la diffusione e l'applicazione della CETS nelle aree protette regionali.

Federparchi-Europarc Italia, inoltre, offre un servizio di consulenza, accompagnamento e supporto alle aree protette per il processo di candidatura per la CETS. L'area protetta può così avvalersi della rete nazionale e internazionale di Federparchi-Europarc Italia, che garantisce la condivisione di buone pratiche già messe in atto in altre aree protette italiane ed europee, essere seguita nel processo in modo continuativo e sul lungo periodo, anche al di là dell'ottenimento della Carta, usufruire di condizioni economiche certamente concorrenziali rispetto a quelle di società esterne private e disporre di un servizio di qualità personalizzato in base alle sue specifiche esigenze.

L'impegno di Federparchi-Europarc Italia è anche quello di dare massima visibilità e valorizzazione alle aree protette certificate e alle aziende turistiche coinvolte nell'applicazione della Carta.

 

Il Gruppo di Lavoro per la CETS

L'impegno di Federparchi a costruire un Sistema italiano sulla CETS efficace e pro-attivo, ha spinto la federazione a promuovere un Gruppo di Lavoro italiano sulla CETS.

Il Gruppo è:

- l'occasione perché Federazione e singoli Parchi possano lavorare insieme su un progetto comune e quindi fare sistema su un'esperienza concreta come quella della CETS.

- il modo con cui Federparchi mette in comunicazione due o più diverse aree protette certificate o interessate alla Carta, promuovendone lo scambio di esperienze e di personale.

- l'opportunità di elaborare una posizione "italiana" da portare in sede di Europarc Federation.

- la possibilità di approfondire le questioni del turismo sostenibile ed etico e dialogare anche con altre agenzie internazionali che operano in materia.

Il Gruppo opera in base agli orientamenti strategici generali che riceve dagli organi politico-istituzionali di Federparchi e dei parchi aderenti alla Carta.

E' coordinato dal Responsabile CETS di Federparchi ed è costituito da due tavoli:

- Il primo è il tavolo tecnico, formato dai Direttori e dai Responsabili del sistema di Gestione CETS delle aree protette italiane che hanno ottenuto la CETS o che ne hanno inoltrato la candidatura. Detto tavolo è finalizzato al coordinamento tecnico e al supporto reciproco tra i parchi certificati e i nuovi parchi interessati alla CETS, al monitoraggio e alla valorizzazione della Carta, nonché ad individuare eventuali specifici temi di approfondimento in base alle necessità di volta in volta riscontrate.
- Il secondo è il tavolo scientifico, formato dalle società di consulenza accreditate da Federparchi per le attività di accompagnamento ai parchi e alle aree protette che hanno ottenuto la CETS, e da singoli esperti specificamente designati da Federparchi. Ha il compito di proporre una modalità standardizzata e, quanto più possibile, uniforme per l'ottenimento della CETS.

Il Gruppo di Lavoro CETS è anche l'interfaccia tecnica italiana al Working Group di Europarc Federation sul Turismo Sostenibile, con lo scopo di favorire il dialogo e lo scambio tra l'esperienza italiana e quella europea.

ALLEGATI

Strategia e piano di azione

Carta confini Parco e Comuni

FORUM

Verbale Forum del 06/06/2012 

Verbale Forum del 11/07/2012 

Verbale Forum del 10/10/2012

Verbale Forum del 09/11/2012

Verbale Forum del 28/11/2012

 Verbale Forum del 06/12/2012

Progetto Ecosee/a – Programma Europeo “Guardian of the Sea”

Per chi fosse interessato a partecipare alle finalità del progetto può contattare l'Ufficio Cultura dell'Ente Parco o inviare una mail a: ufficiocultura@parcodelconero.eu